EUROMAYDAY

EUROMAYDAYS - THE NED

Dodici mesi esatti ci separano dall'apertura dei cancelli di Expo2015: il grande evento che soprattutto nell'ultimo anno ha concentrato su di sé aspettative, roboanti promesse di progresso e sviluppo, ma anche tutto il peggio di una ricetta di ripresa economica centrata su precarietà lavorativa, speculazione finanziaria, cemento, stato d'eccezione e poteri speciali.

A un anno da Expo 2015 e in prossimità del semestre di presidenza italiana dell'Unione Europea, stiamo pensando in grande: l'appuntamento dell'Euromayday 2014 non si esaurirà nella Parade del 1 Maggio ma aprirà una tre giorni di dibattiti, proposte e azioni: The NED, i NoExpoDAys.

Contestata l’inaugurazione di Expo 2015: i primi visitatori sono i No Expo! MayDay No Expo: 1 maggio, Milano, P.ta Ticinese h. 14 Oggi all’apertura dei cancelli di Expo 2015, a poche ore della Mayday no Expo, gli attivisti del centro sociale Fornace hanno inaugurato l’esposizione universale della precarietà e dello sfruttamento, della corruzione e del malaffare, con una colorata protesta. Tra stelle filanti, coriandoli, bandierine numerosi volontari hanno inscenato una finta inaugurazione rivendicando il diritto al reddito...
continua »
2 maggio CRITICAL MASS NOEXPO 2 MAGGIO 2015 CRITICAL MASS NOEXPO Per chi si muove da Monza e Brianza appuntamento ore 9 stazione FS, Monza
continua »
Gufi NoExpo. Ri-make alle cinque giornate di Milano Expo 2015 è alle porte, sta per inaugurarsi il Grande Evento, come ormai sanno anche i bimbi delle scuole materne milanesi. Un evento all’insegna del “nutrire il pianeta” come ci raccontano tutti i media e i grandi sostenitori dell’Esposizione Universale. In realtà, più che nutrire il pianeta, per ora si sono riempite le tasche i comitati d’affari che hanno fortissimamente voluto l’Expo, mentre la grande...
continua »
Boccaccio e Co.M.P.O.St. in MAYDAY VENERDI’ 1 MAGGIO 2015, ore 13, stazione FS Monza Preconcentramento Monza e Brianza per MAY DAY 2015, corteo 1 maggio SCIOPERIAMO EXPO Ci eravamo lasciati un anno fa, concludendo la mayday014 e alla fine della tre giorni seguente di iniziative #noexpodays, con la promessa di costruire l’opposizione sociale ad EXPO 2015. Durante la tre giorni si erano riassunte con chiarezza quali fossero le reali coordinate...
continua »
  Expo2015 è un flop, un buco che rischia di far crollare ogni equilibrio sociale esistente. C’è però un’Italia che non si rassegna, coordinata dal Renzismo (un progetto di governo con un orizzonte ventennale), un’Italia che vuole fare squadra con chi tira le fila a livello economico e sociale. Che paese è? E’ l’Italia dei […]
continua »
#Minacchoosy: Sanzionata la sede di Manpower di Rho #Bamboccioni in azione verso la Mayday No Expo del 1 maggio 2015 Oggi, nella giornata in cui Expo spa ha convocato Manpower per discutere delle tipologie di contratto applicate, abbiamo “sanzionato” con colori e dazebao la sede rhodense dell’agenzia interinale principale dispensatrice del lavoro precario e sottopagato di Expo 2015. Manpower, complice in questi giorni della retorica dei “giovani che non vogliono lavorare”, non si...
continua »
#NoExpoDays – programma delle cinque giornate
continua »
Contiamo di inaugurare la Casa della Memoria il 25 aprile 2015, una data molto simbolica per Milano: sarà il 70° anniversario della Liberazione della nostra città e dell’Italia intera dal nazifascismo e, inoltre, saremo anche alle porte di Expo2015 (Ada Lucia De Cesaris, dicembre 2013)   Oggi, a 24 ore dalle celebrazioni per il 70esimo […]
continua »
Oggi si inaugura la “casa della memoria”, domani tutti in corteo a ricordare e festeggiare i 70 anni della Liberazione dal nazifascismo ma… C’è un ma. Mercoledì prossimo, a Milano, è prevista una brutta e pericolosa provocazione per la memoria e il presente della città medaglia d’oro della Resistenza. Il 29 aprile un corteo della […]
continua »
Saldi E’ stata la settimana degli accordi sindacali! Vi potrà sembrar strano, ma a meno di due settimane dal via ancora non erano stati raggiunti fondamentali accordi sindacali utili a far partire le operazioni di Expo2015. Con questo non vogliamo assolutamente dire che sono state trattative svoltesi col coltello alla gola delle organizzazioni sindacali coinvolte, […]
continua »
Il punto dopo l’assemblea nazionale lo trovate qui A venti giorni dall’inizio dell’Esposizione Universale più screditata della storia, prende il via anche il conto alla rovescia per le mobilitazioni #alterexpo, un fitto ed incalzante calendario di eventi, azioni, mobilitazioni messo in campo dalla rete No Expo all’insegna della critica radicale ad Expo, che avranno inizio […]
continua »
Presentazione Piccola enciclopedia precaria dai Quaderni di San Precario Mercoledì 22 Aprile 025 – dalle 19 con Aperitivo! – presso Piano Terra Lab in via Confalonieri 3 – Milano. La rivista i Quaderni di San Precario è nata alla fine del 2010 in contemporanea con il primo appuntamento degli Stati generali della precarietà, organizzato dal collettivo San Precario a Milano. Nel libro Piccola Enciclopedia Precaria (a cura di Cristina...
continua »
LE CINQUE GIORNATE DELLA MILANO #NOEXPO 350 persone provenienti da tutta Italia hanno alimentato l’assemblea nazionale No Expo di sabato 11 aprile. A pochi giorni dall’apertura dei cancelli dell’infausto grande evento, tanti e diversi soggetti, che in tutta la penisola ogni giorno alimentano lotte e resistenze contro il modello di vita e sviluppo che in Expo si rappresenta, si sono incontrati ancora una volta. Precari, studenti, contadini, lavoratori, sindacati di base,...
continua »
Expo2015 è iniziato! Qualcuno l’aveva notato? Probabilmente no. Il primo padiglione è stato inaugurato, nel silenzio generale, il 9 di aprile, in quel della centralissima Triennale. In realtà il padiglione è proprio la Triennale (e le sue propaggini esterne), nei cui spazi si ospita la già citata (in precedenti bollettini) mostra Arts and Foods, una […]
continua »
Expo 2015: nutrire le multinazionali, nocività per il pianeta Mentre ci avviciniamo alla data del 1 maggio e della No Expo Mayday di quest’anno cogliamo l’occasione di pubblicare il documento politico di approfondimento che segue la chiamata pubblicata che avevamo pubblicato su questo sito due settimane fa, curato dalle compagne e dai compagni della Rete Attitudine No Expo. Ulteriori approfondimenti ed aggiornamenti sul sito noexpo.org. Il Primo Maggio non sarà la giornata di inaugurazione...
continua »
#Expo2015 significa #debito Debito, al pari di Cemento e Precarietà, è una della parole chiave con cui abbiamo descritto Expo2015 e smontato la sua narrazione tossica. Riprendiamo e pubblichiamo di seguito un’analisi fatta dal collettivo Offtopic, su come Expo diventa meccanismo di Debito, analizzando il caso del Comune di Milano. Uno strumento utile per orientarsi sul cammino verso la Mayday NoExpo e le iniziative che seguiranno, nei sei...
continua »
  Ormai l’ottimismo e l’innovazione esondano da ogni angolo. Reggio Emilia si conferma una delle città più exposte: dopo i  treni speciali Reggio Emilia AV/Milano la settimana passata è stato inaugurato un infopoint oltre che presentato l’imperdibile master in “Food Innovation” L’innovazione, anzi, l’Innovescion, è senz’altro uno dei punti di forza di Expo2015. C’è chi però riesce a […]
continua »
A volte ritornano…e senza fantasia C’è un’attività che non passa mai di moda: infangare i movimenti per spaventare le persone e tenerle lontane dalle piazze. E nel frattempo costruire la figura del nemico pubblico che legittimi ogni possibile intervento repressivo. Una tecnica collaudata da decenni e che vede uniti nel copincolla servizi segreti, prefetti, questure, […]
continua »
Molte sono le problematiche su cui si discute quotidianamente in merito ad Expo2015, poco si è ancora detto dell’impatto del megaevento sulle casse pubbliche e sui servizi pubblici. Expo2015 è un megaevento sostenuto quasi interamente da soldi pubblici (del miliardo e 300 milioni di spesa per la realizzazione, e’ privata solo la cifra corrisposta dalla Camera di Commercio, […]
continua »
L’Expo dei polli di Piero Maestri “Nutrire il pianeta o nutrire le multinazionali dell’agrobusiness?” era il titolo dell’incontro organizzato alla fabbrica recuperata Rimaflow con la presenza del leader dei Sem Terra Joao Pedro Stedile nel novembre scorso. Per gli organizzatori dell’incontro il punto di domanda era evidentemente un artificio retorico, consapevoli che Expo2015 rappresenta una grande occasione per le multinazionali e le più importanti imprese dell’agroalimentare dei paesi...
continua »