EUROMAYDAY

EUROMAYDAYS - THE NED

Dodici mesi esatti ci separano dall'apertura dei cancelli di Expo2015: il grande evento che soprattutto nell'ultimo anno ha concentrato su di sé aspettative, roboanti promesse di progresso e sviluppo, ma anche tutto il peggio di una ricetta di ripresa economica centrata su precarietà lavorativa, speculazione finanziaria, cemento, stato d'eccezione e poteri speciali.

A un anno da Expo 2015 e in prossimità del semestre di presidenza italiana dell'Unione Europea, stiamo pensando in grande: l'appuntamento dell'Euromayday 2014 non si esaurirà nella Parade del 1 Maggio ma aprirà una tre giorni di dibattiti, proposte e azioni: The NED, i NoExpoDAys.

L’8 ottobre per un attimo la coltrina di fumo e nebbia che avvolge i lavoratori sfruttati, sottopagati e precarizzati si è tinta di rosa shocking. Sotto ai riflettori della società dis-social, da un corridoio di luce, sono spuntati i rider di Foodora con le loro biciclette, le sacche brandizzate, i caschetti, le bandiere del Deliverance […]
continua »
La generalizzazione della condizione precaria ha portato non tanto alla diffusione del precariato, come si vaticinava in passato, quanto alla precarizzazione strutturale del lavoro. Ambito trasformato, in un regime di totale dismissione del diritto e della tutela, in un’estensione a tappeto del controllo sociale. Dal Jobs Act al fallimento dello sciopero sociale verremo traghettati verso […]
continua »
Il tema del mese di novembre di #scandaglio è il territorio, inteso come spazio connotato dalla dialettica tra nocività, resistenza e promozione di progetti liberanti. Se il lab.aperto ci porterà questo giovedì alla scoperta del progetto di riapertura del Naviglio Martesana https://www.facebook.com/events/657032021132438/ il quarto giovedì del mese sarà dedicato ad un incontro/tavola rotonda a più […]
continua »
  Lieti di ospitare l’urbanista libertario e sociologo “Jean-Pierre Garnier”, per chi non lo conoscesse date una sbirciata qui https://fr.wikipedia.org/wiki/Jean-Pierre_Garnier_(sociologue) in occasione del suo tour internazionale. In via del tutto eccezionale l’incontro (una sorta di speciale all’interno del ciclo di #scandaglio) si terrà di martedì, sempre con apertivo mangereccio h19.30 e presentazione dalle 20.15. L’autore […]
continua »
La  puntata n.3 di #scandaglio ci accompagnerà in un viaggio alla scoperta del nuovo progetto di riapertura del Naviglio Martesana in centro città. Attraverso una mescolanza di linguaggi che spaziano dal video alla ricerca sugli open-data del Comune abbiamo avviato il laboratorio di ricerca sul tema e questo giovedì presenteremo il secondo manufatto del percorso. […]
continua »
I loro profitti sono la nostra precarietà! Altro che “volontariato”, questo è lavoro non pagato! Presidio oggi h.17 a Milano in via San Paolo 12 Questo pomeriggio anche noi ci uniremo al presidio di fronte alla sede del convegno “Volontariato post-moderno. Da Expo Milano 2015 alle nuove forme di impegno sociale” promosso da Ciessevi, la struttura che ha reclutato e formato i 6000 “volunteers” che hanno garantito, col loro lavoro gratis, lo...
continua »
Mercoledì prossimo parteciperemo anche noi al convegno “Volontariato post-moderno. Da Expo Milano 2015 alle nuove forme di impegno sociale“. Nonostante l’impegno profuso a scandagliare l’economia della promessa del grande-evento non siamo stati invitati, quindi il nostro contributo comincia con questo appuntamento e con questo documento (che trovate anche su fb). Di seguito l’appello apparso in rete. Volontariato […]
continua »
28.10.016 h19.30 Aperitivo mangereccio h20.15 Chiacchiera con l’autore intorno al libro Avevamo promesso un’alternanza nel percorso di #scandaglio tra il 2^giovedì del mese con la presentazione di manufatti artigianali, digitali, laboratoriali…e il 4^ caratterizzato da discussioni sul tema con persone interessanti. Cominciamo subito a sgarrare perché questa “seconda” di #scandaglio va in scena di venerdì, […]
continua »
La città pubblica scompare..chi è il suo carnefice? Quest’anno Off Topic apre un nuovo laboratorio aperto. Ogni 2^ e 4^ giovedì del mese un tema, un incontro laboratoriale, del buon cibo e un concerto nei bassifondi del Piano Terra (come sempre gratuito). Giovedì 13 ottobre si parte con la presentazione del percorso e l’anteprima di […]
continua »
Il 14 giugno si terrà l’ultima udienza del processo sul Primo Maggio 2015, contro gli arrestati del novembre scorso. Questi mesi ci hanno mostrato in tutta la sua ridicolezza il reato fascista di devastazione e saccheggio: dalla valutazione negativa della responsabilità collettiva data dalla magistratura greca, fino alla notizia di pochi giorni fa circa l’inesistenza […]
continua »
D/istruzioni per l’uso 1) Il bagno di mezzanotte è un rito apotropaico acquatico, se vi spaventate per la pioggia non siete pronti (in ogni caso in 24M c’è una comoda porta al coperto per vouyeur timorosi) 2) Nei prossimi tre giorni si concentrerà a Milano una sfortunata congiunzione astrale di alzabandiera, festeggiamenti di una repubblica […]
continua »
ITALIA A RISCHIO GAS – una giornata di studio e auto-formazione dedicata alla trasformazione dell’Italia in “Hub europeo del gas” PROGRAMMA MATTINA – VISITA “SUI LUOGHI DELL’HUB DEL GAS” IN LOMBARDIA Visita sul campo presso le aree di costruzione di stoccaggi e centrali di compressione, a cura del Coordinamento Comitati Ambientalisti Lombardia Bordolano (CR) 10:00, […]
continua »
immagini, ragioni, socialità, futuro di una battaglia vinta h12.00 pedalata creativa da via Cancano h13.00 pranzo popolare alla buca di Parco Trenno a seguire in ordine sparso (e in attesa del programma definitivo) *animazione e disegni per i più piccoli *musica *banchetti con materiali e referendum sociali *agorà pubblica su bisogni e nocività nei quartieri […]
continua »
Dalle trivelle agli stoccaggi di gas: neocolonialismo, speculazione, nocività, democrazia Il nostro nuovo libro vede oggi la luce per i tipi di Lu:Ce edizioni. Dopo la stagione di ricerca e attivismo in opposizione ad Expo 2015, un nuovo testo collettivo ripercorre i sentieri dell’emergenza pianificata, dell’esproprio di democrazia, della governance “fossile” di un paese indisponibile a […]
continua »
Dopo Expo, Expo continua. L’abbraccio velenoso del grande-evento ha stordito la sinistra milanese, abbattuto Pisapia e incoronato Beppe Sala a (candidato) sindaco di Milano. Un testacoda mortale che blocca la città al ritmo del Pd renziano. Nell’epoca del post-Expo si muove la post-politica dei commissari e dei manager, scorciatoia autoritaria per una classe politica debole, […]
continua »
Questo fine settimana andiamo in trasferta. Da alcuni mesi stiamo sviluppando un percorso di formazione utile ad allacciare quanto appresso all’interno della campagna di opposizione ad Expo 2015, con una delle più fresce e intelligenti lotte di opposizione all’imperialismo energetico che (in totale opposizione alle pur blande indicazioni della Cop21 di Parigi) informa il decreto […]
continua »
Come cambia la geografia del potere nella città metropolitana del dopo Expo? Come si sta muovendo la finanza? E la politica che ruolo ha? Come si caratterizza la qualità della vita, il lavoro, l’abitare, l’attività ludica? Quale spazio rimane per le narrazioni fuori dal coro? Sono temi che meritano più di un’attenzione e che saranno […]
continua »
Le vicende che si sono susseguite negli ultimi mesi a Calais sono comprensibili solo attraverso l’intersezione di diversi ordini di discorso. La crisi umanitaria sta avendo luogo su una frontiera interna all’Europa su cui convergono molti elementi: i teatri di guerra e sfruttamento che si moltiplicano in Africa e Medio Oriente costringendo milioni di persone […]
continua »
On Saturday, 23rd January, a demonstration consisting of four thousand people between migrants and activists started from the “jungle”, as the Calais refugee camp is called, and headed towards the city. While protesting against racial discrimination, vouching for right to mobility, and speaking out against poor living conditions in the camp due to extreme overcrowding, […]
continua »
UPDATE: le ragazze sono state rilasciate nel tardo pomeriggio del 27 gennaio, in stato di arresto restano sei migranti mentre per due attivisti francesi resta un foglio di via dalla zona di Calais, per questo motivo non dobbiamo interrompere l’azione solidale che ci ha spinto sin qui. Fino alla liberazione di tutte e tutti. English […]
continua »